AUSTRIA4YOU: IL TUO PARTNER A VIENNA AUSTRIA4YOU


HIGHLIGHTS

© 2016 Copyright austria4you ltd. All rights reserved                           

Webdesign by austria4you ltd.

Privacy

Disclaimer

Archivioews

I MERCATI

IL MERCATO „D - A - CH“ (DI LINGUA TEDESCA)


Entrare nel mercato austriaco significa entrare nel mercato „DACH“ , cioè nel mercato europeo germanofono caratterizzato dai più alti indicatori economici.   „DACH“,  parola che in tedesco significa “tetto”, sta infatti  per D (Germania) + A (Austria) + CH (Svizzera).


Dei tre, quello austriaco è sicuramente il più accessibile agli Italiani dal punto di vista culturale e  rappresenta il ponte naturale per prendere poi piede negli  altri due. Un’iniziativa che si affermi  con successo in Austria può costituire la base logistica ideale  per una successiva  espansione dell’attività, soprattutto in Germania.

Non solo perchè tra Austria e Germania non esistono barriere di carattere economico e fiscale (anzi, anche il ricupero dell’IVA è attuabile in tempi accettabili), ma anche perché il clima di fiducia reciproca fra i due Paesi rende ogni tipo di accordo e transazione molto più facile da realizzare.


 Anche dal punto di vista legislativo i due paesi risultano essere molto affini: in essi le interpretazioni delle normative europee (e di conseguenza le relative leggi nazionali applicative) corrono su binari paralleli  ed è difficile trovare prodotti adatti al mercato austriaco che non lo siano anche a quello tedesco, e viceversa.


Del resto Monaco di Baviera, uno dei maggiori centri dell’economia germanica, dista solo quattro ore di macchina da Vienna e solo una e mezzo da Salisburgo: la vicinanza tra i due paesi non è quindi soltanto di carattere culturale!


Fin troppo ovvio, poi, in vista di un ingresso sul mercato tedesco, è il vantaggio di tipo linguistico derivante dal disporre di una base in Austria.  L’unicità della lingua facilità non solo i contatti fisici e la corrispondenza in rete e cartacea, ma consente apprezzabili risparmi nel campo della documentazione tecnica, di marketing e legale, che può essere usata in genere solo con pochi adattamenti in ambedue i Paesi.


Risulta infine quasi superfluo parlare degli altri vantaggi (rispetto al mercato italiano) di una eventuale espansione in altri paesi del mercato „D-A-CH“, ci limiteremo  a ricordare, come già fatto a parte per quello austriaco, un più agevole diritto del lavoro, la mancanza di scioperi (quelli dal dopoguerra si contano sulle dita di una mano), una fiscalità più semplice e più favorevole alle aziende, infrastrutture affidabili e di qualità, prezzi considerevolmente più bassi per energia, benzina e servizi bancari ed una maggiore disponibilità economica della popolazione (stipendi 30%-50% più alti di quelli italiani).